Dr. Fabio Caprara Blog

PESANTEZZA ALLE GAMBE? UN SEGNALE DA NON SOTTOVALUTARE

PESANTEZZA ALLE GAMBE:

5 MOSSE PER VINCERLA

Screenshot_SmartSelect_2017-07-13-17-00-55

 

Dopo aver trascorso buona parte della giornata lavorativa in piedi o seduti alla scrivania, è comune avvertire un senso di pesantezza alle gambe.

Questo fastidio aumenta notevolmente con il caldo, condizione che procura stasi venosa, e regalandoci gambe e piedi intorpiditidoloranti e gonfi.

 

ATTENZIONE PERO’: LA SENSAZIONE DI PESANTEZZA ALLE GAMBE, ACCOMPAGNATA DA CRAMPI O GONFIORI, PUÒ ANCHE ESSERE UN SEGNO DI CONDIZIONI PATOLOGICHE NASCOSTE, COME AD ESEMPIO UNA TROMBOSI VENOSA PROFONDA.

Consultate il sito del Ministero della Salute per approfondire sintomi, fattori di rischio, terapia e prevenzione attraverso questa pagina:   MINISTERO DELLA SALUTE

 

QUALI SONO LE CAUSE delle gambe pesanti?

Il fastidio delle gambe pesanti riguarda in prevalenza le donne e la causa principale è la stasi del sangue nelle vene.

Infatti dato che è la contrazione dei muscoli delle gambe che agisce come una sorta di pompa comprimendo le vene e spingendo il sangue verso l’alto, durante lunghi periodi di inattività o quando si sta molto seduti o in piedi, i muscoli delle gambe non si contraggono a sufficienza per spremere il sangue e convogliarlo verso il cuore e di conseguenza il sangue ristagna nelle vene limitando il drenaggio dei tessuti.

Questa stasi sanguigna è nella maggior parte dei casi, responsabile della sensazione di pesantezza alle gambe.

 

 

 

 

PERCHÉ LA PESANTEZZA ALLE GAMBE COLPISCE DI PIÙ LE DONNE?

Le donne sono in genere più esposte al disturbo delle gambe pesanti. Questo perché esistono diversi fattori, in gran parte ormonali, che possono favorire un rallentamento della circolazione e un accumulo di sangue nella parte bassa del corpo.

Qualche esempio? La gravidanza, il ristagno di liquidi nel periodo premestruale, l’uso della pillola anticoncezionale.

Questo non toglie che anche alcuni uomini possano soffrire di pesantezza alle gambe, specie se passano molto tempo seduti o in piedi, hanno una vita sedentaria e un regime alimentare scorretto.

 

PESANTEZZA ALLE GAMBE?
vinci CON 5 SEMPLICI MOSSE

La sensazione di pesantezza alle gambe, in assenza di patologie, può essere efficacemente contrastata anche adottando semplici accorgimenti. Vediamo assieme quali.

1) UN PO’ DI MOVIMENTO

Chi fa un lavoro sedentario e passa molto tempo seduto alla scrivania dovrebbe alzarsi ogni 30 minuti per sgranchire i muscoli.

Chi, invece, sta molto tempo in piedi dovrebbe contrarre e decontrarre alternativamente i polpacci. Un aiuto in più può inoltre arrivare da un po’ di regolare attività fisica nel tempo libero, specie passeggiatebicicletta,ginnastica in acqua o nuoto

 

2) idratarsi a sufficienza

Per favorire la circolazione è bene bere almeno 1,5 o 2 litri di acqua al giorno. In questo modo sarà possibile contrastare il gonfiore alle gambe che spesso è associato alla stasi venosa.

In alternativa è anche possibile optare per tisane naturali, preparate sciogliendo in acqua calda o fredda estratti di piante utili per favorire il microcircolo e alleviare la sensazione di pesantezza alle gambe, come per esempio centella e ananas

3) ATTENTI ALL’ALIMENTAZIONE

Può anche essere d’aiuto inserire nell’alimentazione cibi ricchi di Vitamina C e bioflavonoidi (agrumi, kiwi, ananas ecc.) per favorire l’elasticità delle vene e il benessere della circolazione.

Fondamentale ridurre il consumo di sale o di cibi che ne contengono grandi quantità, per limitare la ritenzione idrica, attenzione quindi agli insaccati e agli altri alimenti che ne contengono grandi quantità in modo non evidente.

 

4) ACQUA FREDDA E MASSAGGI

Per alleviare i fastidi, quando si è sotto la doccia è possibile passare sulle gambe un getto di acqua fredda; meglio ancora sarebbe alternare acqua fredda ad acqua calda, facendo scorrere il getto dalle caviglie fino alle cosce.

La sensazione di benessere è immediata!

 

5) RIMEDI NATURALI

È possibile trarre giovamento anche dall’assunzione di estratti di piante come Mirtillo neroVite rossaRuscoCentellaIppocastanoAnanas.

Queste piante favoriscono infatti il buon funzionamento del microcircolo e possono contrastare la sensazione di pesantezza alle gambe.

 

CATTIVO CIRCOLO VENOSO: FATTORI DI RISCHIO

Oltre alla lunga permanenza seduti o in piedi, tra gli altri fattori che possono provocare la pesantezza delle gambe ricordiamo:

  • gravidanza;
  • sovrappeso;
  • vita sedentaria;
  • abitudine di indossare indumenti stretti o accavallare le gambe.

Tutti questi aspetti possono limitare il flusso del sangue. Inoltre esistono alcuni fattori “aggravanti” come:

  • calore,umidità e consumo di alcool, che possono dilatare le vene e favorire un accumulo di sangue nelle gambe;
  • l’utilizzo di scarpe rigide o con tacchi alti, specie se prolungato, che può impedire alla pompa muscolare di funzionare correttamente.

Abbiamo visto che tra le cause che possono provocare la pesantezza delle gambe c’è anche il sovrappeso.

 

In effetti, un’alimentazione ricca di grassi affatica il cuore e non favorisce il ritorno del sangue venoso.

Anche chi viaggia tutti i giorni non è esente dalla sgradevole sensazione di pesantezza alle gambe: stare ore seduti in auto, aereo e treno costringe a posizioni scomode ed errate che limitano il flusso sanguigno e favoriscono gonfiori, specie ai piedi.

LE TERAPIE MEDICHE PER CIRCOLO E MICROCIRCOLO:

Ha un nome particolare: carbossiterapia.

E’ la terapia regina per ottimizzare il circolo e il microcircolo la cui insufficienza, porta anche a quel quadro poco piacevole chiamato comunemente “cellulite”

Nella pratica clinica, è l’iniezione (del tutto sicura e senza nessun rischio di embolia!) di anidride carbonica nel sottocutaneo.

Lì, si ha un enorme potenziamento degli scambi tra la zona arteriosa e venosa, con uno straordinario miglioramento del circolo.

In più, è una delle terapie più utilizzate dai chirurghi Brasiliani come antiaging della pelle!

Troppo bello per essere vero? Eppure è proprio così!

Per saperne di più, seguite questo link

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *